header i-Italy

Ugo Tognazzi protagonista al MoMa di New York

Mattia Ronsisvalle (December 04, 2018)
In omaggio all'attore una retrospettiva al Museum of Modern Art di New York dal titolo "Ugo Tognazzi: Tragedies of a Ridiculous Man", dal 5 al 30 dicembre 2018 . La figlia Maria Sole Tognazzi ha raccontato vita, curiosità e aneddoti sul grande artista all'Istituto Italiano di Cultura di New York

L’arte non conosce misure, limiti e forme. Tra i vari volti dell’arte troviamo anche la comicità, l’umorismo e la satira. I più diffcili da comunicare.

In Italia abbiamo avuto la fortuna di avere uno dei più grandi attori e comici del ‘900: Ugo Tognazzi.
La sua caratura di attore lo ha reso protagonista della retrospettiva al Museum of Modern Art di New York dal titolo “Ugo Tognazzi: Tragedies of a Ridiculous Man,” dal 5 al 30 dicembre 2018, grazie anche all’Istituto Luce Cinecittà.

Si puo' cosi' avere un ritratto dell’indimenticabile artista, attore, ma anche regista e sceneggiatore, attraverso 25 interpretazioni memorabili dirette tra gli altri da Marco Ferreri, Mario Monicelli, Pier Paolo Pasolini, Dino Risi ed Ettore Scola.

Istrione del cinema e figura leggendaria Tognazzi ha segnato insieme con Marcello Mastroianni, Vittorio Gassman, Alberto Sordi e Nino Manfredi, l’epoca d’oro del cinema italiano.

 L'Istituto di Cultura italiano ha organizzato un incontro con Maria Sole Tognazzi che ha raccontato anche del suo documentario “Ritratto di mio padre”, e del libro “Ugo Tognazzi: Story, style and secrets of a great actor.”

Assieme alla regista Maria Sole Tognazzi anche Richard Peña, Professore di Film Studies alla Columbia University.

La regista ha detto che il documentario le ha consentito di rincontrare suo padre. Racconta che la sua vocazione di regista è venuta solamente dopo, "quando lui non c’era più”.

Ha ricordato poi con affetto anche il legame con Raimondo Vianello, fondamentale sia dal punto di vista umano che professionale per il padre Tognazzi.

Il rapporto tra Tognazzi e il teatro è stato discontinuo: incominciò da giovane, ma poi lo abbandonò per riprenderlo solo in età più matura. Questo anche perché il cinema e la televisione erano due mezzi di comunicazione che potevano far esprimere un’artista in diversi modi.

L'attore era anche un noto appassionato di cucina. Credeva che il pasto fosse non solo un momento di gola, ma anche di aggregazione, per poter passare del tempo di qualità con le persone a cui voleva bene.

“Nostro padre non ci ha mai influenzato, anzi forse non desiderva che fossimo attori. Con Ricky ed i miei altri fratelli però, si confrontava spesso" - racconta Maria Sole.

Poi un aneddoto che ha dell’incredibile.

Ugo Tognazzi e il regista Federico Fellini avrebbero dovuto girare un film insieme, ma improvvisamente il regista si tirò indietro perché una cartomante gli avevo predetto che non avrebbe dovuto girare il film perché altrimenti sarebbe successo qualcosa di brutto. Fu allora che Tognazzi passò  dall’adulazione all’astio nei confronti di Fellini, anche se i rapporti poi si ripresero dopo diversi anni.

Ad inaugurare il 5 dicembre la rassegna ci sarà proprio la figlia Maria Sole Tognazzi.

"La Tragedia di Un Uomo ridicolo di Bernardo Bertolucci"  valse a Tognazzi il Premio per la Migliore Interpretazione Maschile al Festival di Cannes del 1981.

Un doppio omaggio per ricordare due personalità, due protagonisti assoluti: l’interprete e il grande regista scomparso il 26 novembre scorso al quale fu dedicata la retrospettiva al MoMA del 2010/2011.

Tra gli eventi in programma, sempre il 5 dicembre, anche la proiezione del documentario diretto nel 2010 da Maria Sole Tognazzi dal titolo "Ritratto di mio Padre":

“E' stata una sorta di ricerca, un modo per ritrovare lui e il rapporto che mi è mancato attraverso le testimonianze di tanti amici. Alcune cose mi sono mancate da piccola, ma oggi da donna, e da grande, mi quadra tutto. Faceva parte del suo modo di vivere i rapporti e del suo essere”.

Quando Ugo Tognazzi è scomparso, Maria Sole aveva solo 18 anni e negli ultimi anni della sua vita il comico viveva in Francia.

Comments:

i-Italy

Facebook

Google+