header i-Italy

Articles by: Laura Pace

  • Facts & Stories

    ‘Su Filindeu,’ the World’s Most Ancient Pasta Comes to New York

    It takes ancient gestures to create su Filindeu, “the threads of God,” hidden deep in the Sardinian hinterland, in Nuoro, behind a long and secret tradition that for over 300 years has been passed down from mother to daughter. Mothers had the duty to educate their daughters in this meticulous art that is part of the area’s cutlural and culinary heritage. Threads so thin that they seem almost impalbable, light to the taste because they are made only with semolina, water, and artistry. 

     

    Today, merely 150 women are left to guard this pasta weaving art, and only two of them actually acquired it directly from their mothers. A few years ago, faced with such a small number, the gallurian association “matriarch cuisine” decided to allow the transmission of su Filindeu through men as well as women. Among the few chosen men was Roberto Ruiu, a chef from Nuoro, whose passion for Sardinian cuisine dates back to his teenage years, when he started working the stove while his friends played soccer. 

     

    “I was sixteen years old when I decided that I wanted to be a chef. Nobody believed me. Today, knowing that I am one of the few men in the world elected to preserve the craft of a unique pasta like su Filindeu makes me extremely proud, not only as a chef, but also as a Sardinian,” says Ruiu, whose job allows him to travel across the world. 

     

    Manhattan is of course among his many destinations. One day, Roberto decided to introduce Americans and the many tourists who pass through the Big Apple to the Threads of God. “The first time I came to New York and presented su Filindeu, everyone was mesmerized by this pasta that is virtually unkown in Italy, not to mention in the rest of the world. Making it is not an easy task,” the chef explains. “It requires expert knowledge of this particular type of pasta. You have to feel it in your hands, you have to understand, but more importantly love it.”

     

    The recipe, according to this maestro of Nuorese cuisine, whose passion for fresh pasta brought him to experiment with a wide range of sardinian pasta traditions, cannot be simply explained and replicated. “How could anyone explain the knowledge and passion behind a tradition as ancient as su Filindeu?”

     

    Among the many people - some more renowned than others - who unsuccessfully tried to replicate this handmade craft, one stood out to Roberto. “I will always remember this man from Texas who asked me how he could buy some to take home. He wanted to place them alongside his paintings, as works of art. He left me speechless. He was right, su Filindeu really is a work of art.”

  • Art & Culture

    Casa Colombo Presents “I-Phone as Brush / Cell-phone as Muse”

    <<Located in Jersey City, Casa Colombo is the heart of the history and memories of the region’s Italians and Italian Americans. Borns as an immigration center, Casa Colombo has evolved over the years to become an Italian Educational & Cultural Center as well as a Center for the Arts. Today, it continues to showcase memories, keep them alive, and project viewers towards the future.>> so tells us the Executive Director of Casa Colombo, Carla Mastropierro.

     

    Many relics of immigrant stories, from Italy to the United States, hidden treasures such as passports, statistic documents, letters and suitcases were donated to the museum, where these unique and rare gems are still on display.

    In the midst of all these treasures, the Center also organizes traveling exhibits, hosting artists and photographers from Italy and elsewhere.

    One of these is the incredible “I-phone as brush / cell-phone as muse” exhibit. A captivating title for a show that posits the cellphone as a photographic instrument, putting forward a new and modern perspective.

     

    Hanging on the gallery walls are photographs by Mirko Notarangelo, an artist from Puglia, and Kerry Kolenut, a New Jersey born photographer, in a harmonious union of the two cultures. 

     

    The focal point of the show is the I-Phone, an instrument which is progressively beginning to replace professional cameras. Lighter and manageable as it may be, the shots taken through its lens certainly aren't all works of art. 

     

    “You have to not only capture the right moment, but also see beyond the image, always. Immortalizing a moment from a unique and original perspective. This has always been the role of an artist. Otherwise everyone would be a photographer,” explains Mirko Notarangelo. 

     

    His images immediately catch the eye and his shots become paintings, or rather postcards. Moments stolen from the Big Apple:

     

    “All the photographs in this exhibit have been stolen from passers-by, in the subway or on the street, while I was running around New York with my I-Phone 6. These images looked studied but they aren’t. And that’s what I like about them: they are real.”

     

    Mirko is a multidisciplinary artist, but he started out as a graphic designer. A work he has never allowed him to fully express his artistic flair because it tied him to specific commissions. He then decided to explore through photography. What started as a game made him see that he could express himself through this medium. Two years ago, he attended the ICP in New York and from there he started showing his work at exhibitions, discovering his talent and always looking for the truth and reality behind all the images he produced.

     

    Kerry Kolenut, on the other hand, brings a different approach to her photos. Still starting with the idea of the smartphone as camera, she inserts it into the shot, making it the subject of her works, her muse. “The idea of making the phone the subject of my photos came to me by chance when I was on vacation in China. A celebration was taking place in the streets and I couldn’t see anything because of the crowd. In front of me a man was taking pictures with his phone and that’s when it hit me: I took a shot of his shot so that I could see what was happening. That’s how it all started.”

     

    The show’s curator, Lisa Colloduro, who has been working at Casa Colombo for the past three years, tells us why she decided to bring together these two artists: “I saw the work of these two great artists and thought it would be a perfect combination to bring them together in one exhibition. Two diverse perspectives who both share the use of cellphones, in diffrent ways. They complement each other perfectly.”

     

    An exhibition promoted by the Association of Italian American Educators, whose president, Cav. Josephine A. Maietta, tells us:

     

    “We are very happy to take part in this event. Supporting Casa Colombo is a true honor, the photographs are beautiful and unique. Promoting Italian culture is a mission for me, both as a teacher at school, where I teach my students to love Italy, as well as through events such as this one.”

     

    Many attended the opening, including prestigious figures Such as the Honorary Consul of Italy in Clifton, New Jersey, Avv Domenic Caruso who during the opening ceremony - as a representative of the Italian Government - delivered warm words of greetings and congratulations, the aforementioned Cav. Josephine A. Maietta, the AIAE Vice President Elisabetta Calello, and Casa Colombo’s Executive Director Carla Mastropierro.

     

    --------

     

    The exhibtion will be on view through December 31, 2019. Hours: Tuesday, Wednesday, Thursday 10:00 am - 3:00 pm.

    (By appointment only on weekends)

     

    For more information visit this link. Or email info@casacolombo.org

  • Fatti e Storie

    “Su Filindeu” la pasta più antica del mondo sbarca a New York

    Gesti antichi quelli de su Filindeu, in italiano i Fili di Dio. Gesti che nascono nell’entroterra sardo, precisamente a Nuoro da una lunga e segreta tradizione che da circa trecento anni, viene tramandata per discendenza femminile. La madre, infatti, aveva il compito di educare le proprie figlie a questa minuziosa arte legata al patrimonio culturale e culinario della zona nuorese. Fili così sottili da apparire alla vista quasi impalpabili e dal sapore leggero perché preparati con semola, acqua e accurata maestria.

     

    Custodi di questa segreta arte di intrecciare la pasta sono attualmente 150 donne in tutto il mondo, di cui solo due ad averla acquisita per discendenza diretta ossia da madre in figlia. Qualche anno fa, di fronte a un numero così esiguo, l’associazione gallurese “La cucina delle matriarche” ha pensato bene di passare “il testimone” de su Filindeu anche agli uomini. Tra i pochi eletti, Roberto Ruiu, chef originario di Nuoro la cui passione per la cucina sarda risale ai tempi dell’adolescenza quando gli amici giocavano a calcio e lui si dilettava dietro ai fornelli. 

     

    “Avevo sedici anni quando ho deciso che da grande avrei fatto lo chef. Nessuno ci credeva. Oggi sapere di essere uno dei pochi uomini al mondo a custodire l’arte di questa pasta unica come su Filindeu mi rende orgoglioso non solo come chef ma anche  come sardo” racconta Roberto Ruiu che grazie al suo lavoro riesce a lavorare in giro per il mondo.

     

    Tra le sue tante mete lavorative ovviamente Manhattan dove Roberto un bel giorno ha deciso di far conoscere I Fili di Dio agli americani e ai tanti turisti che ogni giorno popolano la Grande Mela. “La prima volta che sono arrivato a New York e ho presentato su Filindeu sono rimasti tutti folgorati da questa pasta così poco conosciuta in Italia, figuriamoci oltreoceano. Realizzarli - spiega lo chef - non è per niente facile, bisogna essere esperti conoscitori di questa particolare pasta, la si deve sentire tra le mani, la si deve capire ma soprattutto amare”. La ricetta come ci tiene a precisare questo abile maestro della cucina nuorese appassionato di paste fresche tanto da cimentarsi ora anche nella lavorazione a mano di altre paste sarde, non può essere spiegata e poi subito replicata. “Come fai a spiegare la sapienza e la passione che c’è dietro a una tradizione così antica come su Filindeu?”. 

    Tra i tanti personaggi più o meno noti legati al mondo della cucina che hanno cercato di replicare questa particolare pasta a mano senza però riuscirci, uno è rimasto nei ricordi di Roberto. “Mi rimarrà sempre impresso nella memoria, un signore del Texas. Mi chiese se fosse possibile comprarli e portarli a casa. Li avrebbe messi accanto ai suoi quadri come una delle più belle opere d’arte. Mi lasciò senza parole, aveva ragione. Su Filindeu è davvero un’opera d’arte”.

  • Arte e Cultura

    Casa Colombo presenta “I-phone come pennello, cellulare come musa”

    <<Casa Colombo in Jersey City è un po’ il cuore della storia e dei ricordi per tutti gli italiani e gli italo-americani della regione. Nata come centro per l'immigrazione, Casa Colombo si è evoluta negli anni fino a diventare un centro educativo e culturale italiano nonché un centro per le arti. Oggi continua a proporre ricordi mantenendoli vivi fino ai giorni nostri. Proiettandoli verso il futuro>> così ci racconta la Direttrice di Casa Colombo, Carla Mastropierro.

    Tanti i cimeli che testimoniano un passato di immigrazione che parte dall’Italia fino ad arrivare negli Stati Uniti. Tesori nascosti come documenti di statistica, passaporti, lettere e valigie donate al museo, che ancora oggi li espone come perle uniche e rare.

    In mezzo a questi tesori, l’edificio realizza anche mostre itineranti, ospitando artisti e fotografi italiani e non solo.

    Tra questi, spunta la meravigliosa esposizione di sabato scorso dal titolo “I-Phone come pennello / cellulare come musa”. Un titolo accattivante che vede il cellulare come strumento per fare fotografia, proponendo un punto di vista completamente nuovo e moderno.

    Foto, quelle esposte, di Mirko Notarangelo, artista a 360 gradi pugliese e della fotografa originaria di Jersey City, Kerry Kolenut. Un’unione di due culture che si sposano perfettamente insieme.

    Punto centrale: l’iPhone. Strumento che al giorno d’oggi sta andando a sostituire sempre di più le macchine fotografiche professionali. Meno ingombrante e più maneggevole, sicuramente, ma non di certo con un obiettivo che rende tutti artisti.

    <<Bisogna non solo cogliere il momento giusto, ma vedere al di là dell’immagine, sempre. Immortalando uno momento con un punto di vista diverso ed originale. Questo è da sempre stato il compito dell’artista. Altrimenti chiunque farebbe il fotografo>> ci spiega Mirko Notarangelo.

    Le sue immagini catturano subito l’occhio e rendono gli scatti come dei quadri, anzi cartoline. Dipinti rubati alla Grande Mela che ce la raccontano da prospettive uniche:

    << Tutte le foto in questa mostra sono state rubate ai passanti in metro o per strada, mentre correvo da una parte all’altra di New York con il mio iPhone 6. Sembrano studiate queste immagini, ma non lo sono. Ed è proprio questo che mi piace di loro: sono vere >>.

    Mirko è un artista a 360 gradi oggi, ma nasce come grafico. Un lavoro che non gli ha mai permesso di esprimere appieno il suo estro artistico perché lo vincolava ad una commissione. Decide, quindi, di esplorare la fotografia; un po’ per caso e anche un po’ per gioco, capendo di poter manifestare attraverso questa se stesso. Due anni fa a New York frequenta l’ICP e da lì prende il via con mostre ed esposizioni, scoprendo davvero un talento. Ricercando la verità e la realtà dietro ad ogni immagine che produceva.

     

    Kerry Kolenut, la co-artista di questa mostra invece dà un taglio diverso alle sue foto. Avendo come punto centrale sempre lo smartphone, decide di far entrare quest’ultimo nello scatto, rendendolo il soggetto principale delle sue opere, la sua musa ispiratrice: <<L’idea del cellulare come protagonista delle mie foto nasce casualmente quando mi trovavo Cina per un viaggio di piacere. C’era una festa per le strade della Cina e io non potevo vedere nulla a causa della folla. Davanti a me un uomo stava fotografando con il suo cellulare e lì ho avuto l’illuminazione; ho fatto uno scatto al suo scatto, così da poter vedere cosa stava capitando. Da lì è partito tutto>>.

    La curatrice stessa della mostra Lisa Collodoro, che lavora per Casa Colombo da tre anni, ci racconta perché la scelta di combinare in questo modo l’esposizione: << Ho visto i lavori di questi grandi artisti e mi è sembrata una combinazione perfetta quella di metterli insieme in un’unica mostra. Due differenti prospettive, ma che in comune avevano il cellulare, con uso differente. Si sposavano alla perfezione.>>.

    Un evento che Casa Colombo promuove insieme all’Associazione AIAE. La presidente dell'associazione, Cav. Josephine A. Maietta ci racconta:

    <<Siamo molto felici di partecipare con la mia associazione a questo evento. Sostenere Casa Colombo è un vero onore, le fotografie presenti sono bellissime ed uniche. Per me è una missione portare la cultura italiana. Sia nella mia scuola come professoressa, impartendo ai miei ragazzi l’amore per l’Italia, sia attraverso la promozione di eventi come questi>>.

     

    Tanti, infatti, gli ospiti in sala per questo evento fotografico. Ospiti illustri come il Console Onorario d'Italia a Clifton, nel New Jersey, l'Avv. Domenic Caruso che durante la cerimonia di apertura - in rappresentanza del governo italiano - ha espresso calorosi saluti e congratulazioni, Cav. Josephine A. Maietta presidente dell’AIAE, la Vice Presidente della AIAE Elisabetta Calello, la Direttrice di Casa Colombo Carla Mastropierro con la collaborazione della curatrice della mostra Lisa Collodoro.

    -----------------------------------------------

    La mostra sarà visibile dal 5 al 31 dicembre. Orari: martedì, mercoledì, giovedì 10: 00-15: 00. (Week-end solo su appuntamento).

    Per avere più informazioni cliccare questo link. Oppure contattare l'email info@casacolombo.org

  • Art & Culture

    The Secret Message in Leonardo's Painting

    Fordham University hosted the presentation of the research conducted on “Portrait of a Musician,” recently attributed to Leonardo da Vinci, introduced and organized by Professor Joseph Perricone, who teaches Italian and Comparative Literature at Fordham.

     

    For this reason he invited Sicilian researcher and art historian Giuseppe Petix, who confidently affirmed: “This painting is in my opinion by Leonardo, it can only be attributed to him.” This declaration is important because, if he is correct, it would make this the first painting by the artist whose subject is a man rather than a woman. 

     

    The years-long research conducted by Petix began in 2013 with the publication of his “Inside the gaze,” a book that is now perserved and archived in Vinci’s Leonardian Library. 

     

    The son of an artist mother side but also of a scientist father, Giuseppe has always united artistic and scientific reasoning: looking for beauty as well as for solutions. This way of working has defined his approach to art history, with a particular focus on the Renaissance and on the paintings of Leonardo, bringing him to the decodification of Portrait of a Musician. 

     

    This is the first ever research aimed at decoding the message hidden within the painting. Before him, others have studied this work, attributing completely different meanings to it, which are however not incorrect, as Petix himself says. 

     

    What caused Petix to focus on the Musician, was the way in which the painting presents itself to the spectator. Dated to around 1485, Portrait of a Musician is a work of oil tempera on a small wooden panel, 40x30 centimeters, preserved in the prestigious Ambrosian Library in Milan.

     

    The subject of the painting holds a card in his hand, which faces the viewer, suggesting that Leonardo wanted its contents revealed. Furthermore, the lights and shadows of the painting point towards a specific spot on the card, as if to say: “there’s something here, pay attention.”

     

    Another hint to the presence of a hidden message lies in Leonardo’s love for riddles. The painter was in fact known for bringing such word games to the courts he frequented, amusing its princely inhabitants. We shouldn’t therefore be surprised if the notes on the card can be interpreted as a musical puzzle, not only because of their peculiar postioning, but also due to the presence of signs, letters, and colors between each one.

     

    “Let’s not forget that Leonardo’s importance is always in the details. And there clearly is a message on this card. A message that became unique and immortal, like Leonardo’s art and like the myth behind the man.”

     

    Petix also says: “The puzzle on the card was found thanks to the knowledge that we have of the music of the time. A puzzle that once decoded transforms the verse “Oh Re fammi lagnar: Sol l’amore mi fa sollazzar,” which translates to “Oh God, allow me to lament: only love makes me happy.”

     

    A hymn, a prayer, a call for help towards a god, or perhaps a ruler given the use of the term “re,” king. The fact that he is talking about love however gives the idea that we are dealing with superior, ethereal matters. A theory that can be reinforced by what we know of Leonardo and his extensive knowledge of sacred texts. This sentence recalls the lamentations present in the psamls and, more specifically, the “god” mentioned could represent the soul of David. 

     

    Following his extensive research, Petix concludes: “My interpretation is one of the many that can be given to the painting. My opinion is that this verse was inserted in the painting to enrich it, to give it a voice. Because, as Leonardo himself believed, a painting is a poem, which though voiceless, can be observed.”

     

    In conclusion, Petix explains: “Once a piece of information is impressed within a work of art, it will remain there forever.”

     

    And that’s the power of art, its beauty, that it never dies even after centuries. 

  • Facts & Stories

    The ‘Sardine’ Movement Crosses the Ocean. Meet the ‘Atlantic Sardines’

    It’s true how they say age doesn’t dictate ideas, as demonstrated by Michela, Carmen, Martina, Alberto, Ilaria, Arianna, Sofia, Annalisa, and Simona: the team who started the ‘Atlantic Sardines.’ A heteregenous group of strangers that came together by chance. Among them we find gelato makers, students, musicians, some are 80 years old, or even born in America, but still fighting for their homeland from afar.

     

    Ten strangers with nothing in common, except for one thing: being Italians abroad. Through a call launched on Facebook, they got to work, and within three days marched in New York’s Washington Square Park to protest. Another 200 people, who shared the same ideals and love for their country, answered that call.

     

    A protest during which these “sardines” handed down the microphone, each sharing their stories:

     

    “My name is Simona and I’m 36 years-old. I’m a scientist and a mom, and starting this week I’m also a transatlantic Sardine. I’m out in the streets today with my family and my two children, who by the way are American citizens thanks to ‘ius soli’(ed. birthright citizenship)”

     

    “My name is Michela, I’m 24 years old and I’m a student. I’m an immigrant and as such I am part of a widespread social phenomenon that is taking place in our country: a new wave of mass emigration…”

     

    The Sardine phenomenon, a non-aligned protest movenment that is spreading across Italy, made it all the way to New York. Obviously not attracting the same numbers as Bologna, (ed. where the movement started) but significant enough to leave a mark even in this part of the world. In a frenetic city such as New York, it can be hard to build a community. However, it’s not impossible. On Sunday November, 24, the Italian community, Italian Americans, and those who support Italy, came out to protest. 

     

    Starting from the 6000 Sardines who showed up in Bologna, the movement became a media phenomenon and is slowly making its way around the country and the world, saying: NO to fascism, NO to racism, NO to xenophobia, NO to a government fuled by hate. All important yet very simple themes, pertaining to the most essential human rights.

     

    They chose to come out in a square, a “piazza,” a space that has always been at the center of Italian city life: the place for exchanging opinions. They call themselves the ‘Atlantic Sardines’ and they are born in solidarity with the Sardines back in Italy. They want to represent Italian expats, create a niche within the movement, and add their perspective to it. 

     

    Michela, one of the Sardines, tells us: “We aren’t afraid of our anonymity, it’s actually our biggest strength. It’s what makes us a mass movement, composed of citizens who are reclaiming their right to a more serious political class, one who addresses their problems. We are all unknown faces after all. But within the group, what we try to do is to get to know each other, to create a dialog.”

     

    Carmen, a 32-year-old researcher from Foggia, explains: “Many movements like ours are blossoming across the world. They’re writing to us from Canada, from Brazil, and that gives us the strength we need. It means we are really creating a network of people. A network of Italians who want to support Italy even though they live on the other side of the planet, who want to revive activism, civic duty, and get involved in the country’s political life. Not just passive voters, but active ones.”

     

    “The internet is key, particularly social media. Thanks to these tools we learned about Sergio Ricciuto Conte, who designed our poster. He provided great support from Brazil to help us take flight.”

     

    Sergio Ricciuto Conte, an artist from Foggia now living in Brazil, crafted the movement’s powerful poster: a clenched fist representing resistence and protest, made up of many little sardines. Sergio posted it on his Facebook profile to show support for the Italian Sardines, and it became the symbol of the Atlantic Sardines. 

     

    In the wake of their first gathering, the Atlantic Sardines claim that “what happened today is certainly doubly if not triply important for us, it gives us the hope and strength we needed.”

     

    Many were the stories shared in the square, and the paper sardines on which messages were written. Messages that will be brought to their friends in Bologna. And in the meantime, the call keeps resonating outward. This is certainly the right way to use social media: to create a network through which to spread ideas and then take it a step forward by meeting in real life.

    ----

    To keep up with the Atlantic Sardines and their future initiatives, follow their Facebook, Twitter and Instagram profiles or contact them at: sardineatlantiche@gmail.com

     

  • Fatti e Storie

    Le Sardine nuotano oltreoceano e diventano Sardine Atlantiche. Ma chi sono?

    Quando si dice che le idee non dipendono dall’età è proprio vero e ce lo dimostrano loro. Michela, Carmen, Martina, Alberto, Ilaria, Arianna, Sofia, Annalisa e Simona: questi sono i nomi del team iniziale delle sardine atlantiche. Un gruppo di sconosciuti, nato per caso, del tutto eterogeneo; tra loro infatti c’è chi fa il gelataio, chi la studentessa, chi il musicista, chi invece ha 80 anni e continua a lottare per la sua patria da lontano e chi invece con la sua famiglia italo americana scende in piazza.

    Dieci sconosciuti che non avevano nulla in comune se non una cosa: l’essere italiani all’estero. 

    Tramite una chiamata partita da un post su Facebook, si sono mobilitati, e nel giro di tre giorni sono scesi nella piazza di Washington Square Park a New York per manifestare. A quella chiamata hanno risposto altre 200 persone, che condividevano gli stessi ideali e l'amore per la loro patria.

    Una manifestazione che ha fatto passare di mano in mano un microfono, un microfono che ha raccontato le storie di queste sardine:

    <<Mi chiamo Simona e ho 36 anni. Sono una scienziata e una mamma e da questa settimana sono anche una sardina transoceanica. Scendo in piazza oggi con la mia famiglia e i miei due bambini che tra l'altro sono statunitensi grazie allo "ius soli"…>>

    <<Mi chiamo Michela, ho 24 anni e sono una studentessa. Sono emigrata, e in quanto tale sono parte di un profondo e diffuso fenomeno sociale che il nostro paese sta vivendo: una nuova emigrazione massiva…>>

    Il fenomeno sardine, che sta attraversando l'Italia, è quindi sbarcato a New York. Non di certo con gli stessi numeri di Bologna, ma abbastanza incisivo da lasciare il segno anche da questa parte del mondo. In una città frenetica come la Grande Mela fare comunità è quasi impossibile. Quasi. Però, domenica 24 novembre la comunità italiana, gli italo americani e chi sostiene l’Italia era presente in piazza a manifestare.

    Dalle 6000 sardine di Bologna si passa dunque alle Sardine Atlantiche di New York. Un caso mediatico che si sta facendo sentire, piano piano, silenzioso, facendo il giro del mondo e gridando: NO al fascismo, NO al razzismo, NO alla xenofobia, NO a questo governo pieno di odio. Tutti temi importanti ma anche semplici, legati ai Dirtti dell'Uomo.

    Il luogo scelto: la piazza. Un posto simbolico che appartiene alla storia delle nostre città da sempre. Il cuore degli scambi di opinione, e come tale anche qui a New York una piazza è stato il punto di incontro per tutte le sardine italiane d’oltreoceano. Si fanno chiamare Sardine Atlantiche e nascono in supporto alle sardine nate in Italia. Lo scopo è chiaro fin dal principio: vogliono rappresentare gli italiani espatriati all’estero. Creando, così, una nicchia all’interno del movimento stesso, arricchendolo con la loro prospettiva.

    Michela, una delle sardine, ci racconta: <<Non abbiamo paura del nostro anonimato, anzi è il nostro punto di forza. Questo ci rende un movimento massivo fatto di cittadini e cittadine che stanno rivendicando il loro diritto per avere una politica più seria che risponde ai loro problemi. Siamo tutti facce sconosciute, dopotutto. Mentre all’interno, tra di noi, ciò che tentiamo di fare è quello di conoscerci e di creare dialogo. Cerchiamo quindi di mettere la faccia solo con chi ha voglia di ascoltarci>>

    Carmen, ricercatrice di 32 anni foggiana, parlando delle sardine di Bologna dice: <<Oltre alle Sardine Atlantiche, però, stanno nascendo tanti altri movimenti come il nostro. Ci scrivono dal Canada, dal Brasile e questo ci dà la forza di cui avevamo bisogno. Significa, dunque, che stiamo davvero creando una rete di persone. Una rete di italiani che sostengono l’Italia, pur essendo dall’altra parte del mondo; degli italiani che hanno voglia di risvegliare quelli che sono i sentimenti di attivismo, di senso civico e di partecipazione alla vita politica del paese. Non semplici elettori passivi ma finalmente elettori attivi>>

    <<Il web è la chiave e ancora di più i social. Grazie a questi abbiamo scoperto l’immagine di Sergio Ricciuto Conte, che ora è l’autore della nostra locandina. Ci ha dato un grande appoggio dal Brasile per prendere il via>>

    Infatti, la locandina del movimento è stata realizzata da Sergio Ricciuto Conte, un artista di Foggia che vive ora in Brasile, ed è davvero d’impatto: un pugno chiuso in segno di resistenza e di protesta, formato da tante piccole sardine. Sergio lo ha messo nella sua pagina Facebook per appoggiare le sardine italiane ed ora è diventato il simbolo delle Sardine Atlantiche.

    A fine della prima manifestazione le sardine atlantiche dicono: <<Quanto avvenuto ha sicuramente un valore doppio se non triplo per noi, ci dà la speranza e la forza di cui avevamo bisogno>>.

    Tante le testimonianze raccontate in piazza e tante le sardine di carta sulle quali sono stati scritti dei messaggi; messaggi che verranno poi portati ai nostri amici di Bologna. Intanto la chiamata si espande e questo è sicuramente la via giusta per usare i social: fare rete tramite delle idee ed infine concretizzarle incontrandosi fisicamente.

    ---

    Per vedere i futuri progetti delle Sardine Atlantiche seguite le loro pagine FacebookTwitter e Instagram o potete contattarle alla loro mail: sardineatlantiche@gmail.com 

  • Arte e Cultura

    Il messaggio segreto nel quadro di Leonardo

    Alla Fordham University - Lincoln Center Campus di New York si è svolta la presentazione sulla ricerca del “Ritratto di Musico”, attributo recentemente a Leonardo da Vinci. Una presentazione introdotta e voluta a New York dal Porfessor Joseph Perricone, insegnante del corso di italiano e letteratura comparatea alla Fordham. 

    Per questo ha ospitato il ricercatore siciliano-agrigentino, e storico dell'arte, Giuseppe Petix; che ha affermaro con sicurezza: <<Questo quadro a mio avviso è di Leonardo, non si può non attribuirlo a lui>>. E' importante la sua dichiarazione perchè, se avesse ragione, sarebbe il primo quadro dell'artista che ha come soggetto un uomo, e non una donna.

    La ricerca di anni svolta da Petix è partita dal 2013 con la pubblicazione del suo “Dentro lo sguardo”, un libro ora conservato e archiviato nella biblioteca Leonardiana a Vinci.

    Figlio d’arte da parte di madre, ma anche di scienziato da parte di padre, Giuseppe ha sempre unito il ragionamento artistico a quello scientifico; con uno ricercava il bello, con l’altro soluzioni. Questo suo modo di lavorare lo ha contraddistinto nelle ricerche in ambito artistico, in particolare in quelle mirate al Rinascimento e alle opere pittoriche leonardiane, portandolo così alla decodificazione del Ritratto di Musico.

    Questa è sicuramente la prima ricerca al mondo mirata a decodificare il messaggio nascosto all’interno del quadro. Prima di lui, altri hanno studiato quest’opera, attribuendogli significati completamente differenti, ma non per questo errati come ci dice Petix stesso.

    Ciò che ha scatenato la curiosità di Petix sul Musico, infatti, è stato il modo con il quale il quadro si presenta allo spettatore. Datato intorno al 1485, il Ritratto di Musico è una tempera ad olio su tavola, molto piccola, un 40x30 centimetri, conservata alla veneranda biblioteca ambrosiana.

    Il soggetto del quadro tiene in mano un cartiglio, il quale non è rivolto dalla parte del soggetto raffigurato, ma è rivolto dalla parte degli spettatori, quasi come se Leonardo volesse mostrarne il contenuto. Inoltre, le luci e le ombre del quadro vanno a focalizzarsi su un punto ben preciso del cartiglio come a voler dire: “C’è qualcosa qui, presta attenzione”.

    Altro indizio della presenza di un messaggio nascosto ce la da anche l'amore che Leonardo aveva per indovinelli e rebus. Infatti, il pittore era famoso per portare questi giochi di parole nelle corti, solleticando così la fantasia dei reali. Non ci dovremmo sorprendere quindi che le note presenti nel cartiglio siano leggibili come un rebus musicale, non solo per la posizione particolare con la quale sono state scritte le note, ma anche per l’inserimento di segni, lettere e colori tra una nota e l’altra.

    <<L’importanza di Leonardo sta sempre nei particolari, non dimentichiamocelo. E in questo foglio è evidentissimo che vi è segnato un messaggio. Un messaggio che diventa unico ed immortale, come la pittura di Leonardo e come il mito che vi è dietro a questo personaggio.>> 

    Petix ci racconta anche: <<Il rebus all’interno del cartiglio è stato trovato grazie alle conoscenze musicali che abbiamo del periodo di Leonardo. Un rebus che se decifrato forma il versetto o meglio il rondò “Oh Re fammi lagnar: Sol l’amore mi fa sollazzar”, che in versione prosaica potrebbe essere visto così “Oh dio, permettermi di lamentarmi, concedimi un lamento da uomo, solo l’amore mi rende felice”. 

    Un inno, quindi, una preghiera, una richiesta di aiuto verso un ipotetico dio o verso un regnante vista la presenza della parola “re” all’interno della frase. Il fatto che si parli dell’amore dà però la percezione di un qualcosa di superiore e quindi di ultraterreno. Ragionamento che ci viene rafforzato dalla informazioni che abbiamo su Leonardo e sulla sua profonda conoscenza delle sacre scritture. Questa frase ricorda le lamentazioni presenti nei salmi della bibbia, e di preciso il "dio" del quale si parla potrebbe rappresentare l’anima del Davide Biblico.

    Petix dopo le sue innumerevoli ricerche giunge a questo: << Questa mia interpretazione è una delle tante interpretazioni che si possono dare al quadro. La mia opinione è che questo versetto sia stato inserito all'interno della pittura per arricchirla, per darle voce. Poichè come sostiene anche Leonardo, la pittura è una poesia, che pur non avendo voce è possibile osservare.>>

    Ed ecco come la poesia, inserita all’interno di un quadro renda l’opera ancora più completa, ancora più amabile. 

    In conclusione Petix ci dice: <<Una volta impressa un’informazione dentro un’opera, quella rimarrà così per sempre>>.

    Ed è proprio vero, è questa la forza dell’arte, è questa la sua bellezza, che non muore mai anche a distanza di secoli.

     

  • Art & Culture

    Celebrating Italian Cuisine Worldwide

    From November 18 to 24, New York will host a series of events for the fourth edition of the World Week of Italian Cuisine, an initiative organized by the Italian Chamber of Commerce in celebration not only of Italian food but also of the Italian way of life, an important characteristic on which all our territorial and marketing strategies are based.

     

    With the OpenTable app, one of the main online restaurant reservation platforms, during this week, anyone will be able to receive a 12% discount at 12 specially selected Italian restaurants across the city, including the Felice and Tarallucci e Vino chains, restaurants Gnocco, Ribalta Pizza, and Otto Enoteca and Pizzeria.

     

    Throughout this week, Italian food will be the center and focus of conferences, debates, and dinners throughout the city. 

     

    One of these will take place on Monday, November 18 at Google’s New York headquarters, where Food for Soul representative Jill Conklin, CEO of a leading food sector investment fund Dexter Paine, and Food Program Manager Kim Huskey will discuss the theme of food sustainability and its applications in Italy and the United States.

     

    Afterwards, on Wednesday and Thursday, the Institute of Culinary Education will host debates promoted by the Italian Chamber of Commerce and the Italian Trade Agency, with the participation of the New York Italian Chef Association, on topics such as the promotion and protection of 'Made in Italy.'

     

    Among the protagonists of these events will be the Michelin-starred chef from Abruzzo, William Zonfa, who will present the third volume of Mondadori Edition’s “L’arte della cucina 2019 - gli artisti incontrano gli chef.” (“artists meet chefs,” ed.)

     

    The week's celebrations will end with an innovative pop-up dinner on November 22 dedicated to the theme of fighting food waste, in the Bronx warehouse of Gustiamo, an Italian company that imports select Italian food products. 

     

    The menu will be constructed following the guidelines in Massimo Bottura’s book “Bread is Gold” and prepared by Palermitan chef Bonetta Dell’Oglio. Members of the press and select representatives of the culture and science sectors will be present, as well as local institutions.

     

    The ultimate goal is to strengthen our global standing through coordinated cultural, economic, and scientific efforts such as this one. Affirming the quality and beauty of our way of life.

     

    For more information, click here.

  • Arte e Cultura

    La settimana della cucina italiana nel mondo

    Dal 18 al 24 Novembre, New York sarà sede della “World week of Italian cuisine” organizzata dalla camera di commercio italiana per l’America. Celebrando non solo il nostro “Made in Italy” culinario ma soprattutto il nostro “Way of life”. Un modo di vivere all'italiana che fa di certo la differenza e su cui si fondano il nostro marketing produttivo e territoriale.

     

    Con l’App “Open table”, il principale motore di prenotazioni di ristoranti online nel mondo, in questa settimana chiunque potrà ricevere uno sconto del 12% su 12 ristoranti italiani, selezionati appositamente all’interno del panorama newyorchese. In questa selezione saranno presenti le catene FeliceTarallucci e vino, il ristorante Gnocco, Ribalta Pizza, Otto Enoteca e Pizzeria.

    Giornate, quindi, che prevedono l’“italian food” come leit motiv di conferenze, dibattiti e dinner in tutta la città.

    Uno di questi si terrà lunedì 18 novembre al quartier generale di Google New York, dove Jill Conklin, rappresentante di Food For Soul, Dexter Paine, CEO del settore e Kim Huskey, Food Program Manager di Google America, discuteranno il tema dell'alimentazione sostenibile e le sue applicazioni in Italia e Stati Uniti.

    A seguire mercoledì e giovedì, all’Institute of Culinary Education, grazie alla sovrintendenza della Camera di Commercio italiana per l’America e l’Istituto per il Commercio Estero, con la partecipazione dell’Associazione Italiana Chef di New York, si dibatterà su temi come la promozione e la salvaguardia del Made in Italy.

    Protagonista speciale, per queste giornate, sarà sicuramente lo chef pluristellato di origine abruzzese William Zonfa, per la presentazione del terzo volume dell’Editoriale Mondadori “L’arte in cucina 2019- gli artisti incontrano gli chef”.

    La rassegna si concluderà con un inedito pop-up dinner il 22 novembre che avrà come tema portante la lotta allo spreco alimentare, nei magazzini del Bronx di Gustiamo, una società italiana che importa prodotti alimentari italiani selezionati.

    Il menu di questo pop-up sarà creato secondo le linee guida del libro di Massimo Bottura “Bread is Gold”, cucinato per questa occasione dalla chef palermitana Bonetta Dell’Oglio. Alla degustazione dei suoi piatti saranno presenti giornalisti e rappresentanti della cultura e della scienza appositamente selezionati, oltre che le istituzioni locali.

    Con l’obbiettivo di rafforzare il nostro posizionamento nel contesto globale attraverso iniziative coordinate di promozione culturale, economica e scientifica come questa. Affermando, con forza, la qualità e la bellezza del nostro modo di vivere.

    Per maggiori informazioni sull'iniziativa, consultare il link.

Pages