header i-Italy

Articles by: Umberto Lucentini

  • Life & People

    Anti-Mafia Tours of Palermo with the Young People of Addio Pizzo

    The first stop is in Capaci, the long highway where on May 23, 1992 a powerful dynamite explosion killed anti-mafia judge Giovanni Falcone, his wife Francesca Morvillo, and three police escorts in his entourage. It is a symbolic place in Sicily’s recent history where flowers carved in maroon marble commemorate the ultimate sacrifice made by the mafia’s “number one enemy,” and the beginning of Cosa Nostra’s “strategic strategy” that led to the assassination of Paolo Borsellino and the attacks in Rome, Florence, and Milan. 
     

    The Addio Pizzo travel company has chosen to begin its “Springtime without Protection Money” Tour in Capaci. The tour includes guided visits, stays in hotels or bed and breakfasts, lunches in restaurants and cafés, and other local spots for those interested in experiencing socially responsible tourism while on vacation in Palermo and the surrounding areas. The properties recommended by Addio Pizzo all participate in the “I will not pay protection money” campaign, the revolutionary initiative by merchants, craftsmen, and restaurant owners who have rebelled against the extortion racket and refuse to pay protection money to the mafia.
     

    “When combining natural beauty with a commitment to social change it is, in fact, possible to present a new image of Sicily that goes beyond the cliché, which is unfortunately very common, especially abroad,” explain Dario Riccobono, Edoardo Zaffuto, and Francesca Vannini, the Addio Pizzo promoters who are currently touring Italy to spread the word about their initiative. They have already translated a list of its 400 members and a corresponding map into German. “Our land’s immense and wondrous cultural, artistic, and environmental heritage is closely tied to modern-day Sicily, which has become its own promoter of positive values and ideas that fight the mafia on a daily basis.” 

    So, following one of the suggested itineraries, tourists who arrive in Palermo have a choice of where to stay. At the Atlante B&B on Via Cadorna, owners Emilio Ajovalasit and Preziosa Salatino say that their “signature feature is that [they] use only organic, local, fair trade products for breakfast.” B&B Noemi on Via Francesco Guardione is just steps from Teatro Massimo.

    “We opened it two years ago and then we decided to move abroad, but we ended up staying because of the b&b,” owners Andrea and Noemi tell us. You can also stay at Fumbi on Via Arimondi, a short distance from the main drag on Via Libertà and the Buona Sicilia wine bar located in Piazza Don Bosco. In the surrounding areas, there are the gravesites of the President of the Region Piersanti Mattarella and Judge Cesare Terranova who were assassinated because they prevented many racketeers and mobsters from doing business.

    The guided tour of Palermo’s historic center includes stops at the Norman Palace (now home to the Sicilian parliament), the Palatine Chapel, the police headquarters (located in the piazza where Addio Pizzo celebrated the arrests of the head of Cosa Nostra Bernardo Provenzano, the “king of extortion” Salvatore Lo Piccolo, and the young mob boss Nino Nicchi), the cathedral, Piazza Pretoria, and the Church of Martorana. Then, lunch at the Antica Focacceria San Francesco, whose owner Vincenzo Conticello represents one of the many merchants who have refused to pay extortion money. He blew the whistle and then testified in court against those who collected money on behalf of mob clans in the area. 
     

    A short walking tour may also include purchasing a cap, the traditional headwear once synonymous with the mafia, at La Coppola Storta (The Crooked Cap) on Via dell’Orologio or “anti-mafia pajamas” at La Sigma Nuova on Via Croce Rossa, the factory belonging to the wife and children of Libero Grassi, a businessman who was killed after refusing to pay extortion money.

    Wines, cold cuts, and quick dishes are available at La Dispensa dei Monsù on Via Principe di Villafranca (where chef Peppe Giuffrè shows off his culinary talents with the cassata siciliana, a traditional Sicilian dessert) or at Tavola di Zeus on Via Giusti. Besides visiting the historical center of Palermo (the Magione district where judge Paolo Borsellino was born and raised), the tour also includes a stop at Telejato di Partinico, the courageous anti-mafia television station directed by Pino Maniaci, a journalist who has been plagued by death threats from mob bosses LoPiccolo and Vitale.

    After a twenty-minute drive to Cinisi, tourists can meet Giovanni Impastato, whose brother Peppino was a journalist for Radio Aut and was later murdered by the Cosa Nostra for speaking out against mafia boss Gaetano Badalamenti, who controlled mafia activities in the area before being arrested in the United States where he later died. The day ends with dinner at Pizzeria Impastato. 

     

    There is also a stop in Corleone, home of Cosa Nostra leaders Totò Riina and Bernardo Provenzano, which has become the anti-mafia capital. Riina’s villa was confiscated and now houses a high school while the confiscated property at Portella della Ginestra was transformed into an agroturism farmhouse. 

    Before leaving Palermo, Addio Pizzo suggests stopping at Libreria del Mare on Via della Cala or at the nearby store Emporio Punto Pizzo Free on Corso Vittorio Emanuele where wine, olive oil, and pasta labeled “Libera Terra” (Free Land) are available for purchase. All products are grown on farms confiscated from the mafia.

    There are many nightlife options in Palermo as well. Every Friday beginning at 7:30pm, a group of local musicians gather on the fishing boat Barcone docked at the Cala Marina and entertain guests with live concerts. “It’s accompanied by Asian dishes and superb tempura which will delight your palate,” advertises the Scirocco Cultural Association, located on Largo Cavalieri di Malta 2. Soul, flamenco, jazz, Sicilian folk, Brazilian, and Italian-American music creates a wonderful backdrop to dinner. There are several live music venues such as the Blow Up Pub in Piazza Sant’ Anna, Basquiat on Via Sant’ Oliva, and Reloj on Via Pasquale Calvi where you can sit at the sushi bar overlooking the large piazza.  
     

    Translated by Giulia Prestia

  • I Tour Antimafia a Palermo dei Giovani di “Addio Pizzo”

    La prima tappa è a Capaci, lungo l’autostrada dove il 23 maggio del 1992 una potente carica di tritolo uccise il magistrato antimafia Giovanni Falcone, la moglie Francesca Morvillo, i tre poliziotti della sua scorta. Un luogo-simbolo della recente storia della Sicilia, dove due steli di marmo color granata ricordano il sacrificio del “nemico numero uno della mafia” e l’inizio della “strategia stragista” di Cosa nostra che portò all’uccisione di Paolo Borsellino, agli attentati di Roma, Firenze e Milano.  
     

    Meta obbligata per  l’associazione “Addio pizzo travel” che ha scelto di far iniziare da Capaci il tour di “primavera pizzo free”: visite guidate,  soggiorni in alberghi o bed & breakfast, pranzi in ristoranti, bar e locali tipici dove vivere da “turisti responsabili” i giorni di vacanza a Palermo e dintorni. Le strutture proposte da “Addio pizzo travel” aderiscono tutte alla campagna “Io non pago il pizzo”, la rivoluzionaria iniziativa di negozianti, artigiani, baristi, che si ribellano al racket delle estorsioni. 

    “Coniugando la bellezza e l’impegno sociale, è possibile infatti presentare un volto nuovo della Sicilia, al di là dei cliché purtroppo molto diffusi, specialmente all’estero” spiegano Dario Riccobono, Edoardo Zaffuto e Francesca Vannini, promotori di “Addio pizzo tour” che in questi giorni stanno girando l’Italia per promuovere la loro iniziativa  e hanno già tradotto in tedesco la lista e la mappa dei 400 aderenti. “Le rinomate meraviglie dell'immenso patrimonio culturale, artistico e ambientale del nostro territorio si associano e si affiancano alle realtà di una Sicilia che si fa promotrice di idee e valori positivi e che combatte quotidianamente contro la mafia”.

    Così, seguendo uno degli itinerari proposti, il turista che arriva a Palermo può depositare i bagagli al b&b “Atlante” di via Cadorna  (“La nostra caratteristica è che utilizziamo per la prima colazione prodotti bio-locali e del Commercio Equo” dicono i titolari, Emilio Ajovalasit e Preziosa Salatino)  o al B&B da Noemi di via Francesco Guardione 70, a due passi dal Teatro Massimo  (“Lo abbiamo aperto da due anni, avevamo deciso di trasferirci all’estero ma il b&b ci ha fatto restare” raccontano Andrea e Noemi) o al “Fumbi” di via Arimondi, a due passi dalla centrale via Libertà, da dove è possibile fare due passi verso l’enoteca “Buona Sicilia” di piazza don Bosco. Nei dintorni si potranno incontrare le lapidi che ricordano l’uccisione del presidente della Regione, Piersanti Mattarella e quella del giudice Cesare Terranova, assassinati perché sbarrarono la strada a tanti affaristi e mafiosi.

    La visita guidata nel centro storico di Palermo prevede il Palazzo dei Normanni (oggi sede del parlamento siciliano) e la Cappella Palatina, la Questura (nella piazza i ragazzi di “Addio pizzo” hanno festeggiato la cattura del capo di Cosa nostra, Bernardo Provenzano, del “re delle estorsioni” Salvatore Lo Piccolo e del giovane boss Nino Nicchi), la Cattedrale, la fontana dei Quattro Canti, Piazza Pretoria, la chiesa della Martorana. Poi pranzo all’Antica Focacceria San Francesco, il cui titolare, Vincenzo Conticello è diventato uno dei tanti simboli di commercianti che si ribellano al racket: ha denunciato, e poi testimoniato in un processo, contro gli esattori del clan della zona.
     

    Un rapido giro a piedi può prevedere l’acquisto delle coppole, il tradizionale copricapo un tempo sinonimo di mafia (“La coppola storta” in via dell’Orologio 25) oppure dei “pigiami-antimafia” presso la Sigma nuova di via Croce Rossa 238  (la fabbrica della moglie e dei figli di Libero Grassi, l’imprenditore ucciso dopo aver detto no al racket).

    Vini, salumi e piatti espressi possono essere consumati pure da “La dispensa dei Monsù” (via Principe di Villafranca 59), dove lo chef Peppe Giuffrè si esibisce nella preparazione della cassata siciliana, o alla “Tavola di Zeus” di via Giusti 31. Oltre alla visita del centro storico di Palermo (il quartiere della Magione, dove è nato e cresciuto il magistrato Paolo Borsellino), il tour prevede anche una tappa a TeleJato di Partinico, la coraggiosa televisione antimafia diretta da Pino Maniaci, un giornalista più volte minacciato di morte dalla cosca dei boss Lo Piccolo e Vitale. Dopo venti minuti di auto si arriva a Cinisi: lì è possibile incontrare Giovanni Impastato, il fratello di Peppino, il giornalista di “Radio Aut” ucciso da Cosa nostra per essersi ribellato al capomafia Gaetano Badalamenti, che prima di essere arrestato negli Stati Uniti, dove poi è morto, dettava legge in paese. A cena, la giornata si conclude nella Pizzeria Impastato.
    Una tappa è prevista anche a Corleone, la patria dei capi di Cosa nostra Totò Riina e Bernardo Provenzano, oggi diventata la capitale dell’antimafia: la villa confiscata ai Riina è oggi sede di un liceo mentre a Portella della Ginestra un rudere confiscato è stato trasformato in agriturismo.

     

     Prima di ripartire da Palermo  “Addio pizzo travel” suggerisce una tappa alla Libreria del Mare 8 di via della cala 50 o al vicino emporio “Punto pizzo free” di corso Vittorio Emanuele, 172: è possibile acquistare vini, olio, pasta col marchio “Libera-terra”. Tutti prodotti coltivati in aziende confiscate alla mafia. 
    Ricco il programma delle serate a Palermo. 

    Tutti i venerdì dalle 19, 30 un gruppo di musicisti palermitani intrattiene su un motopeschereccio ormeggiato in un porticciolo alla Cala gli ospiti con concerti dal vivo. “Il tutto accompagnato  da micro delizie orientali e da una superba tempura che stupiranno i vostri palati” raccontano all'Associazione Culturale Scirocco sul "Barcone” in Largo Cavalieri di Malta  2.

    Soul, flamenco e  jazz,  musica popolare siciliana, brasiliana e   italoamericana come sottofondo alla cena. Musica dal vivo anche al “Blow up pub” di piazza Sant'Anna, 17, al Basquiat di via Sant'Oliva 20 o al Reloj di Via Pasquale Calvi, 5  dove è possibile accomodarsi al sushi-bar che dà nella grande piazza al coperto di un vecchio loft. 

  • Life & People

    Addiopizzo Becomes a Tour Operator Against the Mafia


    The name reveals its philosophy: Addiopizzo Travel is the satellite organization run by young people involved with Addiopizzo, the anti-mafia group which launched the rebellion of Palermo’s shopkeepers against extortion and racketeering. Now, after the popular sticker which reads, “An entire population of people who pay protection money is a population without dignity,” has blanketed the city, the new initiative is destined to make resistance against the mafia and its clan of extortionists “economically convenient.”
     
    Addiopizzo Travel will function as a tour operator and will offer travel packages that combine Sicily’s touristic resources with a legal and “clean” economy. The official presentation of the initiative will be held Thursday in Palermo.  


     
    “Tourists,” say the young men and women of Addiopizzo Travel, “will have the opportunity to stay and enjoy meals at hotels and restaurants that do not pay protection money, they can use the services of firms on the ‘Pizzo-free’ list, and they will be able to visit companies that do business on land confiscated from the mafia.”  

    Addiopizzo Travel is intended as an initiative that will be “easily recognizable to tourists as the symbol of asociety dedicated to lawfulness and one that seeks to redefine the outdated image of Sicily. The new image will move away from the typical clichés that involve the mafia in order to present a new Sicily that operates within the law.”  

     
    Several travel packages designed by Addiopizzo Travel are specifically aimed at schools. Sicilian and Italian students, as well as foreigners, will be able to choose a new way to travel which focuses on legal education closely related to the culture, art, and natural resources of Palermo and its environs.


     


    Translated by Giulia Prestia

     

  • Addiopizzo diventa tour operator contro la mafia


    Il nome rivela subito una filosofia: si chiama «Addiopizzo Travel», ed è un'associazione satellite promossa dai giovani di «Addiopizzo» che a Palermo hanno avviato la ribellione dei commercianti contro il racket delle estorsioni. Adesso, dopo il famoso adesivo che ha tappezzato la città e che diceva «Un intero popolo che paga il pizzo è un popolo senza dignità», la nuova iniziativa destinata a far diventare anche «economicamente conveniente» il no alla mafia e ai clan degli estortori.


    «Addiopizzo Travel», che opererà come un tour operator, curerà la diffusione di un prodotto turistico con l'obiettivo di coniugare il patrimonio turistico della Sicilia con l'economia legale e «pulita». La presentazione ufficiale dell’iniziativa si terrà giovedì a Palermo.

     
    «I turisti», spiegano i ragazzi di «Addiopizzo Travel», «avranno la possibilità di soggiornare e consumare pasti presso strutture ricettive e ristoranti che non pagano il pizzo, potranno utilizzare i servizi delle aziende della lista Pizzo-free, e avranno la possibilità di visitare le aziende sorte su terreni confiscati ala mafia».


    L’iniziativa di «Addiopizzo Travel» vuole quindi essere riconoscibile anche «agli occhi del turista l'impegno di una società dedita alla legalità e cercherà di concorrere alla ridefinizione dell'immagine della Sicilia. Un'immagine nuova di una terra che cerca quotidianamente di allontanarsi dai classici clichè che accostano Mafia e Sicilia, per poter presentare una realtà che vive nella legalità». 


    Diversi i pacchetti di viaggio pensati da «Addiopizzo Travel»: una riguarderà le scuole. Gli studenti siciliani ed italiani, e perché no anche stranieri, potranno scegliere un nuovo modo di viaggiare che veda l’educazione alla legalità strettamente connessa alla cultura, all'arte, alla natura di Palermo e dei suoi dintorni.


  • Grasso a New York: «Sulle stragi pronti ad accettare novità»

    Ha parlato delle organizzazioni criminali che «utilizzano i paradisi fiscali per nascondere i soldi sporchi e offrirli in garanzia e ottenerne di puliti». Ha dato atto di una «nuova alleanza» tra investigatori italiani e americani «per combattere al meglio i clan italo-americani». E poi ha raccontato delle indagini sulla trattativa tra pezzi dello Stato e Cosa Nostra e del "papello” di Totò Riina, con una premessa: «Ci sono magistrati che indagano, credo sia giusto aspettare che finiscano il loro lavoro che deve accertare la verità dei fatti. Se ci saranno novità andranno accettate, laicamente».

    Un faccia a faccia serrato quello di Pietro Grasso davanti agli studenti della facoltà di giustizia criminale della John Jay College a Manhattan. In missione negli Usa insieme al fondatore di Libera, don Luigi Ciotti, Grasso ha partecipato ad incontri e dibattiti per la «Settimana in nome della legalità» organizzata dall'Anfe Sicilia (Associazione Nazionale Famiglie Emigranti). E ha ricordato, davanti gli investigatori della polizia di New York e ad uno dei magistrati della procura di Brooklyn, i risultati ottenuti con il blitz antimafia Old Bridge portato a termine tra Italia e Usa nel 2008 contro vecchi e nuovi boss italo-americani: «Le intercettazioni ci hanno permesso di scoprire i movimenti dentro Cosa Nostra legati al possibile ritorno dei boss che si erano rifugiati in Usa durante la guerra di mafia».

    George Grasso, capo del New York Police Department, ha rivelato quanta parte di Italia c’è in una recente legge contro i clan approvata in Usa: «Sapete cosa ci è stata utile su tutto? Una norma che prevede assistenza per il cittadino che denuncia il boss che chiede il pizzo».

    Don Ciotti ha spiegato la nascita e lo sviluppo di Libera: «È una rete ormai presente in 33 realtà  in Europa. Anche il nuovo parlamento di Strasburgo ha in calendario una legge che promuova l'uso sociale dei beni confiscati ai boss». Gaetano Calà, direttore del dipartimento Politiche Migratorie dell'Anfe, spiega così la missione in Usa: «Volevamo ricordare l'anniversario dell'uccisione del poliziotto italo-americano Joe Petrosino offrendo agli emigrati che vivono qui, ma anche ai cittadini americani, una visione attuale dell'Italia e dell'esperienza di contrasto al crimine».

    (Pubblicato sul Giornale di Sicilia)

  • Un parco per Joe

    Ai confini di Little Italy, a New York, un parco pubblico da oggi è intitolato a Joe Petrosino, il poliziotto italo-americano ucciso dalla mafia a Palermo, in piazza Marina, nel 1909. Un evento importante non solo per la comunità di italo-americani a New York ma per tutta la città che ricorda il piccolo poliziotto alto 5.33 ft (un metro e mezzo o poco più) che agli inizi del Novecento arrestò e fece condannare centinaia di affiliati alla “mano nera”, il clan di mafiosi nati in Italia e cresciuti tra Brooklyn e Manhattan.

    L’intitolazione del parco a Joe Petrosino ha visto tra i presenti il procuratore nazionale antimafia, Pietro Grasso, invitato a New York dall’Associazione Nazionale Famiglie Emigrati Sicilia (ANFE) e dal Consolato Italiano per una serie di conferenze e incontri con un tema  di stretta attualità: le mafie italiane, i rapporti tra boss italiani e Usa, le nuove frontiere del crimine: “Il ricordo di Petrosino, che qui è vivissimo, è la prova dell’importanza della reale e concreta collaborazione tra forze di polizia” dice il il First Deputy Police Commissioner George Grasso, attorniato da poliziotti del NYPD in divisa.

    Dell’importanza di un parco pubblico nel cuore della Downtown di New York, dove vivono E HANNO VISSUTO migliaia di italo-americani, intitolato a un “poliziotto che rappresenta la parte migliore del nostro popolo” parla il console Francesco Maria Talò, che annuncia l’apertura di una mostra dedicata a Petrosino proprio nei giorni in cui si celebra negli USA il Columbus Day, la festa nazionale che ricorda la scoperta dell’America da parte di Cristoforo Colombo. “L’evento di oggi è la dimostrazione di  come ogni giorno, qui negli USA, si può celebrare un Columbus Day” dice Talò, “perché le occasioni in cui si ricorda il legame tra l’Italia e l’America, ma anche le centinaia di concittadini che da questa parte del mondo si fanno avanti per il loro valore, la loro onestà, le loro capacità professionali, sono sempre tante. E parlare di un poliziotto cresciuto negli Usa e morto in Italia non fa che rimandarci ai tanti soldati, poliziotti, carabinieri italiani impegnati nelle diverse parti del mondo per difendere la pace e lottare il crimine o il terrorismo”. 

    Con un gioco di parole, il console Talò parla dell’onore “di avere qui tra noi Pietro Grasso, procuratore nazionale antimafia, che qui nel parco Petrosino incontra George Grasso, al vertice della polizia di New York, un italo-americano che rappresenta la migliore parte della nostra storia”.

    Giovanni Avanti, presidente della Provincia di Palermo, non può che ricordare la mostra dedicata al poliziotto tenuta in Sicilia e che ha un significato notevole aver esportato a New York: “E’ la prova che il collegamento tra italiani e americani impegnati contro la mafia possono fare molto nella ricerca dei nostri comuni ideali di legalità. La mafia ha frenato il nostro sviluppo, ha costituito un freno per tanti italiani onesti che qui e in Sicilia lavorano per migliorare le loro condizioni di vita”.

    Alberi, cubi di porfidio come pavimentazione, fontane di acqua potabile e luci per la sera, il “Lt. Joseph Petrosino Square Park” è stato realizzato grazie a fondi del dipartimento Parchi della Città di New York e di un gruppo di finanziatori privati che abitano nella zona. I lavori prevedono una spesa di 2 milioni di dollari, a fine novembre ogni dettaglio sarà ultimato.

    Nino Melito, discendenze di Padula, il paese in provincia di Salerno dove era nato Petrosino, è il bis-nipote di Joe. Il suo accento italo-americano la dice lunga sulla sua storia: “oggi vogliamo celebrare i valori delle nostre migliori generazioni. Quelle che credono nella legalità, nella giustizia, nella parte sana della nostra emigrazione”. Jospeh E. Petrosino, pure lui bis-nipote del poliziotto ucciso dalla “mano nera” a Palermo, racconta: “Sono orgoglioso di essere nipote di un grande poliziotto che è l’eredità migliore che l’Italia potesse lasciarci. Qui negli Usa ci sono poliziotti, vigili del fuoco, medici e cittadini comuni che onorano la migliore storia d’Italia”. Lui, che è un giudice, ne è certo.

    (Pubblicato sul Giornale di Sicilia)